Attacco di panico: cinque cose da sapere per chi ne soffre

 


1. Non sei l’unico!

L’attacco di panico è ormai una patologia molto diffusa: nel nostro paese riguarda più di un milione di persone e sono ancora più numerosi coloro che hanno avuto attacchi isolati non invalidanti, ma sufficientemente gravi da causare un forte disagio.

 

 

2. Anche se hai paura di impazzire, questo non succederà 

Alcune persone durante l’attacco di panico credono di poter impazzire. Questo però non ha nessun riscontro scientifico: per il panico non si impazzisce. Quello che può succedere è, piuttosto, che la paura di diventare pazzo porti la persona a mettere in atto tutta una serie di comportamenti di evitamento che manterranno nel tempo il problema.

3. L’attacco di panico è un esperienza terrificante, ma non morirai

Molte persone che soffrono di attacchi di panico temono di avere un infarto e di morire per conseguenza di esso. Altre, impaurite dal respiro affannoso, pensano, invece, che soffocheranno. In realtà, non è così e questa è una cosa importante che si apprende nel corso della eventuale terapia.

4. Non più di 20 minuti ed è tutto finito!

Si tratta di un’esperienza intensa e stancante, ma breve: per questioni di carattere fisiologico le reazioni di attivazione che caratterizzano un attacco di panico non possono che essere circoscritte nel tempo.

5. Dal panico si può guarire

Questa è forse la cosa più importante da sapere, vista l’esplosività con cui questo problema irrompe nella vita di una persona, provocando spesso enormi cambiamenti nelle abitudini e nella quotidianità.

La prima cosa da fare è, quindi, non chiudersi in se stessi pensando che la propria vita sarà per sempre condizionata da questi problemi, ma rivolgersi ad un terapeuta e pianificare insieme un percorso.